salta al contenuto

Proposta di massimario di scarto degli atti di archivio

15/04/2014

La COMMISSIONE PER LA SORVEGLIANZA E LO SCARTO DEGLI ATTI DI ARCHIVIO

presso la Corte di Appello di Bologna

In data 17 febbraio 2014, nelle persone dei sigg.ri:

d.ssa Marilena           CERATI            - Presidente                - Dirigente cancelleria Corte

d.ssa Ingrid                 GERMANI       - Componente            - Archivio di Stato Bologna

d.ssa Carmela            ROSMINI         - Componente            - Prefettura di Bologna

sig.ra  Angela             SELLERI           - Componente con funzioni di segretario

considerato che non risulta essere stato adottato in tempi recenti per gli Uffici giudiziari  un massimario di scarto degli atti di archivio , nell’intento di dare uniformità di procedure per gli Uffici giudiziari (Corte di appello e Tribunali), nel corso del 2013 e del corrente anno  si è riunita in varie occasioni per procedere all’esame dei soli documenti amministrativi comuni ai detti uffici giudicanti, al fine di raggiungere una prassi condivisa fra gli Uffici giudiziari per la conservazione degli atti di archivio del solo settore amministrativo avvalendosi nella fase iniziale della collaborazione della d.ssa Annamaria Catapano, Direttore amministrativo, in servizio nel Tribunale di Bologna, designata dalla Dirigenza del Tribunale di Bologna quale componente del gruppo di studio.

La Commissione a detto scopo ha provveduto ad elaborare un piano di conservazione e scarto degli atti  prendendo in esame quale base di lavoro  il Titolario del Protocollo Informatico della Corte di Appello, predisposto dal Ministero della Giustizia, Dipartimento dell’Organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi, Direzione generale per i sistemi informativi automatizzati, Coordinamento Interdistrettuale di Bari, fornito a tutte le Corte d’appello, che andrà quindi raffrontato con l’analogo Titolario predisposto per la gestione del protocollo informatico dei Tribunali.

Concluso il lavoro la Commissione ha deliberato di sottoporre il suddetto piano di conservazione e scarto degli atti, che viene allegato a far parte integrante del presente verbale, alla valutazione/approvazione sia del Ministero della Giustizia che del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.  Copia del presente verbale e allegato piano di conservazione sarà pertanto inviata al competente Ufficio del Ministero della Giustizia nonché al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Direz. Gen. Archivi, Servizio II°,  e altra copia  sarà inviata per opportuna conoscenza alla Direzione dell’Archivio di Stato di Bologna ed alla Prefettura di Bologna.

Titolario - Piano di conservazione e scarto per gli archivi

Massimario per lo scarto degli atti elettorali